+39 0575 403066 upmagazine@atlantideadv.it
Seleziona una pagina

#12 Primavera 2020

Luca Cableri, posso darti anche la luna

Luca Cableri racconta il progetto del Theatrum Mundi, una Wunderkemmer (stanza delle meraviglie) nel centro storico di Arezzo. All’interno sono custoditi scheletri originali di dinosauro, stele egizie, tute spaziali, memorabilia hollywoodiani. E anche un vero frammento della Luna. Ma non è un luogo aperto al pubblico e visitarlo è un privilegio per pochi

Norina Vieri, la mia musica, la mia vita

Un negozio in Corso Italia che è un punto di riferimento, un luogo di ritrovo, il simbolo dell’impegno sociale e dell’evasione insieme. Il vinile e i cd, Gaber e De André, la politica e la città: Norina Vieri racconta come sono cambiati i suoi clienti, Arezzo, il mondo. E racconta pure la sua storia densa di battaglie, combattute con lo sguardo dolce e una grande perseveranza

Fabrizio Simoncioni, l’arte di sapersi reinventare

Fabrizio Simoncioni, un destino legato alla musica: produttore, strumentista, ingegnere del suono, ha lavorato con i più grandi artisti italiani. Dal pezzo dance “Xenon – The Adventure” composto a quattro mani con Marco Masini al primo contratto per Sanremo, fino all’incidente che gli ha cambiato la vita. Una storia a tutto sound

Flash Kidz, dalla strada alla vetta più alta

Hanno spopolato sulla Rai e conquistato la notorietà, si sono ritagliati una visibilità straordinaria ma non hanno intenzione di scordare le origini. Siamo andati alla scoperta dei segreti della crew più amata del momento: dodici teste e dodici cuori che continuano a pensare e pulsare ad Arezzo. Ecco a voi i Flash Kidz

L’impresa preziosa di Fadi

è Partito dalla Giordania con un sogno: frequentare il Margaritone e diventare orafo di successo. l’incredibile avventura di fadi raslan, titolare di Loren ed Ellius: Si innamorò del mestiere a 16 anni, quando un gioielliere di Irbid gli parlò di Arezzo, poi Gli studi di medicina a Kiev (perché così voleva il padre), quindi la partenza per l’Italia. Anni in Sicilia a vendere bigiotteria e infine l’arrivo in Toscana. La scalata è partita da un garage in via Mincio

Lodovichi, cooking show

Dal ristorante La Terrasse di Monte San Savino all’area hospitality di Sanremo, fino al catering per squadre di serie A, famosi cantanti e prestigiosi brand di moda. I fratelli Massimo e Roberto Lodovichi hanno saputo trasformare le loro differenti personalità in un punto di forza. Il servizio ricevimenti oggi vanta l’organizzazione di oltre ottocento eventi all’anno

Il monumento a Ferdinando III di Lorena

Splendido polmone verde della città, ne accompagna da sempre la storia. Dai reperti ritrovati qui, è stato possibile ricostruire la vita di Arezzo nel corso dei secoli, dal neolitico fino ai giorni nostri. Purtroppo oggi, a fronte di una riqualificazione ambientale e sociale della zona, gli scavi sono fermi, con la collina che custodisce ancora chissà quanti e quali tesori

Maria Maddalena, il capolavoro riscoperto

Da opera minore, defilata in prossimità della sagrestia e per anni seminascosta dall’ingombrante cenotafio in memoria di Guido Tarlati,a mirabile compendio di femminilità, realismo e naturalezza. L’affresco, custodito all’interno del Duomo di Arezzo, ha trovato il giusto riconoscimento artistico solo negli ultimi decenni, dopo diversi restauri. Oggi è considerato uno degli esempi più fulgidi del genio pierfrancescano

“Sono Piero della Francesca. E do responso a le demande”

Il genio di Borgo Sansepolcro si concede per la prima volta
ai taccuini di un giornalista. Dall’enigma sull’anno di nascita al pepato incontro tra il fratello Marco e Bonanna Bacci, la modella della Maddalena. Intervista impossibile, ma verosimile, a un maestro della pittura (e del sottile umorismo)

La leggenda della Vera Croce

È “il” legno il protagonista: quello dell’albero più antico, quello fra le cui venature era scorso il sangue di Cristo, quello in grado di accompagnare attraverso la morte e ridare la vita. Un lungo, intenso e straordinario viaggio per immagini, fra geometria,estetica e simbolismo. Sospeso fra storia e… leggenda

Madonna del Parto, omaggio alla femminilità

A Monterchi, a metà strada tra Arezzo e Sansepolcro, i visitatori possono ammirare la Madonna del Parto, sintesi del pensiero teologico, scientifico e artistico del Rinascimento. Considerata una delle opere più fascinose di Piero della Francesca, è la celebrazione austera e solenne della maternità

La Resurrezione, il dipinto più bello del mondo

La presenza della Resurrezione risparmiò Sansepolcro dai bombardamenti nella Seconda Guerra Mondiale. Il motivo? Il visionario autore britannico Aldous Huxley l’aveva definita “la miglior pittura di sempre”. E il capitano Anthony Clarke, che aveva letto il testo, ordinò il cessate il fuoco. I sette aspetti per cui l’opera rappresenta un capolavoro che “salva” l’uomo anche nel 2019

Saverio Luzzi, riflettori sulla Cattedrale

Dopo aver contribuito al restauro della Maddalena, l’associazione Lions Club Arezzo Host parteciperà ad un’altra iniziativa importante per la città: l’illuminazione del campanile del Duomo con sei proiettori al led, che lo renderanno visibile anche di notte su tutto il territorio. Il presidente Saverio Luzzi ci racconta come e perché è nato questo ambizioso progetto

Luigi Lucherini, l’arte dell’ingegnere

Vendicò un affronto con un regalo alla città. La telefonata a Berlusconi, il particolare incontro col maestro Muti e il concerto dell’orchestra filarmonica della Scala nella basilica di San Francesco. divoratore seriale di libri, Luigi Lucherini ha dedicatola vita a sfoggiare la sua aretinità

Vittorio Sgarbi, Sgarbi e abbracci

irascibile, polemico, protagonista di infuocate risse televisive, ha la straordinaria capacità di ammaliare le persone con le sue lezioni di bellezza. Il critico d’arte più noto d’Italia ama Piero della Francesca per la sua “sofisticatezza intellettuale”, adora Arezzo perché è una miscela di culture, detesta i politici senza sensibilità. In questa intervista ci ha parlato di Dio, scuola, prospettive e rimpianti. E lo ha fatto a modo suo

Terra di Piero Arezzo

Un locale a due passi dai capolavori di Piero, diventato luogo di riferimento in piazza San Francesco, cuore del centro storico che sa coniugare aretinità e ospitalità, snodo cruciale della vita notturna e gioiello tra i più apprezzati dai turisti. Cristiano Duranti l’ha aperto diciotto anni fa ed è stata una scelta felice: “Prodotti di prima qualità, vino buono, compagnia. Questa è una vecchia bottega moderna. Ed è la mia vita”

Cristina Squarcialupi – L’essenziale è invisibile agli occhi

Un cognome ingombrante e una vita finora lontano dai riflettori. Cristina Squarcialupi, figlia di Sergio, ha in mano le redini della Lasi ed è vice presidente di Unoaerre. Filosofia calvinista del lavoro, ha scelto Firenze per vivere. “Lì sono una delle tante”. E per una volta si apre: la responsabilità delle aziende, il marito, la famiglia, la passione per l’arte, il nuoto e lo yoga. Il primo lavoro? “La restauratrice”

Casa Vasari – Uno scrigno d’arte nel cuore della città

Dal contratto d’acquisto del 1541 ai giorni nostri: storia, dettagli e retroscena di un luogo che l’architetto, pittore e storiografo aretino amava moltissimo. Camere, corridoi e pareti consentono di fare un viaggio a ritroso nel ‘500, con il preziosissimo archivio vincolato alla dimora con un decreto ministeriale. Un posto
che trasuda storia e che lascia a bocca aperta

Fondazione Arezzo in tour

Il Comune di Arezzo è il socio fondatore e principale finanziatore della fondazione nata per incrementare e modernizzare l’afflusso turistico nella nostra provincia. L’Ente si sostiene con versamenti pubblici e privati e con il ricavato della tassa di soggiorno

Capto la nuova frontiera del golf

Uno strumento ipertecnologico che migliora le prestazioni dei giocatori. Un’azienda alle porte di Arezzo che punta su ricerca e sviluppo. E un ingegnere come Luca Menci che, con l’aiuto della moglie Francesca, è riuscito a mescolare scienza, toscanità e passione per il green, conquistando il mercato globale senza spostare la base da Villa Guillichini, a Tregozzano