+39 0575 403066 upmagazine@atlantideadv.it
Seleziona una pagina

#11 Inverno 2020

Colle del Pionta

Splendido polmone verde della città, ne accompagna da sempre la storia. Dai reperti ritrovati qui, è stato possibile ricostruire la vita di Arezzo nel corso dei secoli, dal neolitico fino ai giorni nostri. Purtroppo oggi, a fronte di una riqualificazione ambientale e sociale della zona, gli scavi sono fermi, con la collina che custodisce ancora chissà quanti e quali tesori

Arezzo d’estate

Tramonti nelle tonalità del rosa e lilla, giornate lunghissime, la luce del sole che riscalda l’aria e il cuore… L’estate e le sue atmosfere regalano emozioni straordinarie ad ogni ora del giorno.
Ne abbiamo raccolte alcune, immortalate nei vostri scatti, in questa gallery e vi invitiamo a continuare a condividere le vostre foto di Arezzo e provincia con #UPMagArezzo.
Per il prossimo numero selezioneremo i post più suggestivi taggati con #visionidautunno.

Luca Cableri, posso darti anche la luna

Luca Cableri racconta il progetto del Theatrum Mundi, una Wunderkemmer (stanza delle meraviglie) nel centro storico di Arezzo. All’interno sono custoditi scheletri originali di dinosauro, stele egizie, tute spaziali, memorabilia hollywoodiani. E anche un vero frammento della Luna. Ma non è un luogo aperto al pubblico e visitarlo è un privilegio per pochi

Norina Vieri, la mia musica, la mia vita

Un negozio in Corso Italia che è un punto di riferimento, un luogo di ritrovo, il simbolo dell’impegno sociale e dell’evasione insieme. Il vinile e i cd, Gaber e De André, la politica e la città: Norina Vieri racconta come sono cambiati i suoi clienti, Arezzo, il mondo. E racconta pure la sua storia densa di battaglie, combattute con lo sguardo dolce e una grande perseveranza

Fabrizio Simoncioni, l’arte di sapersi reinventare

Fabrizio Simoncioni, un destino legato alla musica: produttore, strumentista, ingegnere del suono, ha lavorato con i più grandi artisti italiani. Dal pezzo dance “Xenon – The Adventure” composto a quattro mani con Marco Masini al primo contratto per Sanremo, fino all’incidente che gli ha cambiato la vita. Una storia a tutto sound

Flash Kidz, dalla strada alla vetta più alta

Hanno spopolato sulla Rai e conquistato la notorietà, si sono ritagliati una visibilità straordinaria ma non hanno intenzione di scordare le origini. Siamo andati alla scoperta dei segreti della crew più amata del momento: dodici teste e dodici cuori che continuano a pensare e pulsare ad Arezzo. Ecco a voi i Flash Kidz

L’impresa preziosa di Fadi

è Partito dalla Giordania con un sogno: frequentare il Margaritone e diventare orafo di successo. l’incredibile avventura di fadi raslan, titolare di Loren ed Ellius: Si innamorò del mestiere a 16 anni, quando un gioielliere di Irbid gli parlò di Arezzo, poi Gli studi di medicina a Kiev (perché così voleva il padre), quindi la partenza per l’Italia. Anni in Sicilia a vendere bigiotteria e infine l’arrivo in Toscana. La scalata è partita da un garage in via Mincio

Lodovichi, cooking show

Dal ristorante La Terrasse di Monte San Savino all’area hospitality di Sanremo, fino al catering per squadre di serie A, famosi cantanti e prestigiosi brand di moda. I fratelli Massimo e Roberto Lodovichi hanno saputo trasformare le loro differenti personalità in un punto di forza. Il servizio ricevimenti oggi vanta l’organizzazione di oltre ottocento eventi all’anno

Il monumento a Ferdinando III di Lorena

Splendido polmone verde della città, ne accompagna da sempre la storia. Dai reperti ritrovati qui, è stato possibile ricostruire la vita di Arezzo nel corso dei secoli, dal neolitico fino ai giorni nostri. Purtroppo oggi, a fronte di una riqualificazione ambientale e sociale della zona, gli scavi sono fermi, con la collina che custodisce ancora chissà quanti e quali tesori

Maria Maddalena, il capolavoro riscoperto

Da opera minore, defilata in prossimità della sagrestia e per anni seminascosta dall’ingombrante cenotafio in memoria di Guido Tarlati,a mirabile compendio di femminilità, realismo e naturalezza. L’affresco, custodito all’interno del Duomo di Arezzo, ha trovato il giusto riconoscimento artistico solo negli ultimi decenni, dopo diversi restauri. Oggi è considerato uno degli esempi più fulgidi del genio pierfrancescano