Imola Giramondi, per tutti Mimmina, ha rappresentato un punto di riferimento per l’imprenditoria del territorio.
L’azienda di famiglia, i segreti del mestiere appresi da bambina, i viaggi in Italia e nel mondo per imparare a lavorare i tessuti.
Le indossava Menchino Neri nel giorno della "rovesciata dei sogni", icona della centenaria storia dell'Arezzo calcio. Ma le calzature di questa famiglia aretina, prodotte fin dagli anni '50, sono un simbolo di qualità, esperienza, sensibilità manuale. Veri capolavori di estro e fantasia anche fuori dal campo di gioco
La preparazione e la devozione per il lavoro di maestro vetraio le hanno consentito di realizzare la Lancia d’Oro della giostra del saracino dedicata a Petro Benvenuti, vinta a giugno da Porta del Foro. critica e storica dell'arte, esperta di crisografia, olimpia bruni unisce gentilezza e tenacia ed è riuscita ad affermarsi in una professione svolta prevalentemente da uomini.
Un negozio in Corso Italia che è un punto di riferimento, un luogo di ritrovo, il simbolo dell’impegno sociale e dell’evasione insieme. Il vinile e i cd, Gaber e De André, la politica e la città: Norina Vieri racconta come sono cambiati i suoi clienti, Arezzo, il mondo. E racconta pure la sua storia densa di battaglie, combattute con lo sguardo dolce e una grande perseveranza
Fabrizio Simoncioni, un destino legato alla musica: produttore, strumentista, ingegnere del suono, ha lavorato con i più grandi artisti italiani. Dal pezzo dance "Xenon - The Adventure" composto a quattro mani con Marco Masini al primo contratto per Sanremo, fino all'incidente che gli ha cambiato la vita. Una storia a tutto sound
Dopo aver contribuito al restauro della Maddalena, l’associazione Lions Club Arezzo Host parteciperà ad un’altra iniziativa importante per la città: l’illuminazione del campanile del Duomo con sei proiettori al led, che lo renderanno visibile anche di notte su tutto il territorio. Il presidente Saverio Luzzi ci racconta come e perché è nato questo ambizioso progetto
Vendicò un affronto con un regalo alla città. La telefonata a Berlusconi, il particolare incontro col maestro Muti e il concerto dell’orchestra filarmonica della Scala nella basilica di San Francesco. divoratore seriale di libri, Luigi Lucherini ha dedicatola vita a sfoggiare la sua aretinità
Le innumerevoli vite di Stefano Cesari: il successo con la rock band De Corto, Bologna negli anni ‘80, il teatro, le poesie. E poi l’amore per moglie e figlie, i romanzi, la passione per le erbe officinali. Artista senza confini, factotum per necessità, laureato a 51 anni: l’incredibile storia di chi, giovanissimo, lasciò di sasso lo studio del Costanzo Show
Burattinaio, marionettista e artista di strada: Paolo Valenti ha studiato architettura, aveva un debole per l'urbanistica ma poi ha scelto il teatro, che lui considera un rito, una catarsi collettiva. Perché l'estetica è un vero sentimento nella creazione dell'opera. E alla fine ripaga sempre dei sacrifici fatti